Home Corsi Progetto Leonardo Da Vinci: Exchange of professionals in the sector of Bakery...

Progetto Leonardo Da Vinci: Exchange of professionals in the sector of Bakery and Confectionery

1059
0
SHARE

Cescot Firenze ha partecipato nel marzo 2012 in qualità di partner alla realizzazione di un progetto internazionale Leonardo da Vinci promosso dalla Camera di Commercio della città greca di Tripolis in Arcadia.

Si è tratta di un progetto destinato a 25 operatori del settore della panificazione e della pasticceria di nazionalità greca che hanno parteciperato ad incontri, seminari, visite didattiche e lezioni pratiche inerenti a questi ambiti professionali, con l’obiettivo di conoscere le caratteristiche e le peculiarità delle arti bianche italiane. E’ stata un’esperienza molto importante dal punto di vista professionale ed umano non solo per le persone che direttamente hanno partecipato al progetto come allievi, ma anche per tutto lo staff di Cescot Firenze srl e Confesercenti poiché il confronto e lo scambio di esperienze e di professionalità porta sempre arricchimento e crescita.

Il programma del progetto ha previsto la permanenza degli operatori greci a Firenze dal 4 al 17 Marzo. Lunedì 5 marzo c’è stato il saluto ufficiale ai partecipanti greci da parte di Cescot Firenze srl e di Confesercenti,  un incontro con i rappresentanti delle categorie e un primo seminario di gelateria.

L’agenda dei lavori delle due settimane seguenti è stata veramente molto fitta e impegnativa, ma anche decisamente interessante e proficua dal punto di vista professionale per tutti i partecipanti.

I workshop pratici, le visite didattiche e i seminari hanno costituito un importante valore aggiunto per il progetto nell’ottica di un confronto professionale realizzato a livello  internazionale

Molto importante e preziosa è stata la collaborazione con la scuola di arti bianche Gustar, nei cui laboratori didattici si sono svolte le lezioni pratiche del progetto.

La delegazione greca
La delegazione greca e i docenti
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone